Nasce a Cascina 'L’orto a domicilio' a cura dell'Associazione La RosaAmara

Gli anziani aprono le proprie case ai ragazzi per prendersi cura della terra.

Orto a domicilio, imparare ad avere cura della propria terra” è stato ideato dall'associazione La RosaAmara APS che da anni, a Cascina, si occupa delle categorie più deboli creando ed offrendo servizi finalizzati al superamento dei limiti e delle difficoltà attraverso l'incontro, l'accoglienza, lo scambio e il confronto.
Il progetto, realizzato anche grazie al contributo del comune di Cascina, vede coinvolti i ragazzi che seguono percorsi di autonomia con l'associazione recarsi, insieme ad un operatore dedicato, a casa di anziani soli per curare insieme un piccolo pezzetto di terra e generare nuova vita.
Questo è un altro piccolo passo avanti – commenta la presidente Elena Meuccinel percorso di integrazione dei ragazzi all'interno della comunità. Attraverso azioni concrete e costruttive, superando anche le logiche dell'assistenzialismo, vengono riconosciuti come individui capaci di dare e di fare”.
A giugno è stata avviata la prima fase del progetto fatta di programmazione e nuovi contatti e ad oggi sono ben cinque gli anziani che hanno aperto le proprie case dove i ragazzi si recano due volte a settimana, mentre in questi giorni ha preso il via l'altro passo: l'orto a domicilio nella 'grande casa' per anziani che è l'RSA Remaggi.
L’associazione nel tempo ha costruito un valido sistema di relazioni trasversali “Se educare vuol dire 'tirare fuori' – conclude Elena Meucci – è nostro compito quello quello di impegnarci affinché ogni individuo che prendiamo in carico possa tirare fuori il massimo che ha dentro in termini di competenze e potenzialità. Indipendentemente dall'età e dalla condizione in cui si trova.

Toscana, #ripresAncescao, 2022