L’esperto risponde

I consulenti Ancescao al servizio di tutti gli associati per chiarimenti ed approfondimenti sui temi dell'Associazione

Notizie

ANCeSCAO Umbria compie 25 anni

Si è svolta sabato 24 novembre 2018, presso il DECO Hotel di Ponte San Giovanni (Perugia) la celebrazione del venticinquennale dalla fondazione in Umbria del Coordinamento Regionale ANCeSCAO.

Erano presenti 118 iscritti tra presidenti e delegati dei 91 Centri Sociali umbri,  numerosi soci proposti dai cinque Coordinamenti Comprensoriali per ricevere una pergamena contenente il dovuto riconoscimento per l’impegno profuso a favore della crescita dei Centri Sociali  e due soci fondatori (Antonietta Cioli di Spoleto e Giampaolo Tini di Terni) che hanno ricevuto una targa di riconoscimento. Altri due fondatori non hanno potuto partecipare alla cerimonia (Gianni Francescucci e Massimo Cerchece).

Alla consegna dei riconoscimenti erano presenti anche la Dr.ssa Carla Casciari in rappresentanza della Regione dell’Umbria e Gianfranco Lamperini Presidente del Consiglio Nazionale di ANCeSCAO.

Nella relazione dedicata alla celebrazione del venticinquennale, la Presidente Miranda Pinchi  ha ricordato i principali avvenimenti che hanno caratterizzato l’attività di ANCeSCAO Umbria soprattutto negli ultimi cinque anni. Si è inoltre soffermata sul particolare momento di cambiamenti che interessano le Associazioni di Promozione Sociale e ha sottolineato la necessità di adeguarsi alle disposizioni del Codice del Terzo Settore, assicurando ai Centri Sociali il costante sostegno dei Coordinamenti Territoriali.

La Consigliera Regionale Casciari nel suo intervento ha ringraziato più volte l’ANCeSCAO perché sempre disponibile a collaborare nella elaborazione delle leggi regionali sull’Invecchiamento attivo, sulla Lotta al gioco d’azzardo, sulla diffusione del Pedibus e ha illustrato quanto  la Regione dell’Umbria stia disponendo direttive perché alcune delle attività che nei Centri Sociali si svolgono da anni (ginnastica dolce, posturale, riabilitativa) possano diventare attività prescrivibili dal medico.

Per celebrare l’avvenimento è stata stampata una cartolina con il bozzetto del 25°, affrancata ed annullata con l’annullo postale dedicato. Erano presenti infatti due funzionari delle Poste Italiane per procedere all’operazione. I Soci presenti hanno potuto  godere di questa opportunità unica.

E’ stata una giornata bellissima, con interventi tutti positivi pur prendendo atto della situazione di difficoltà in cui versa il Paese e quindi la carenza, soprattutto in alcune aree della Regione, dei servizi socio-sanitari di cui gli anziani hanno bisogno più di altri.

Ci sono stati interventi anche di giovani Presidenti di Centro, donne, di cui è stata apprezzata la sensibilità e la voglia di mettere in campo iniziative che coinvolgano anziani, giovani, ragazzi e bambini.

La giornata si è conclusa con un pranzo sociale, in allegria e allietata anche da una poesia che la Presidente del Centro Sociale di Porano del Comprensorio Orvietano ha voluto dedicare ad ANCeSCAO.

             ANCeSCAO

25 anni non son pochi non son tanti

Sono quelli che vorremmo tutti quanti!

Da un quarto di secolo i diversamente giovani

Trastulli, riunisci, redarguisci e ammansisci

E tutti  alla fin lascian i divani

Per seguire iniziative

Che le menti rendono creative.

Se  i nipoti hanno

Agli orti li porteranno.

Affronti ora l’anziano fragile

Produrre i dati non sarà   facile.

Hai inventato Bartolomeo

Che ha sconvolto anche Tolomeo

Una rivoluzione intorno ai conti

Che subito diventan pronti.

Ritrovarsi insieme è un’allegria

Che tante pene porta via

Ognuno ha la sua storia

Ma se qui siamo è una vittoria.

Cara ANCeSCAO, anche tu femminile,

Sobria e sensibile come è nel tuo stile

Oggi è la tua festa

Sii orgogliosa e desta

Del domani non v’è certezza

al tramonto nella sua pienezza

Ci accompagni col caldo tepore

Che lo stare insieme inonda di stupore.

Grazie di esserci, grazie Presidenti

Uomini e donne presenti

Tutti insieme in coro

Andiamo verso il ristoro

Dedicando  ad ANCeSCAO prima

Questa umile poesia in rima.

E per concludere: SE GIOVENTÙ SAPESSE, SE VECCHIAIA POTESSE

 

Titta

Galleria Immagini