Cura Italia: agevolazioni per le associazioni

Nel presente articolo riepiloghiamo tutte le agevolazioni e le disposizione per le associazioni introdotte dal Decreto “Cura Italia”.

Aggiornamento del 9 Ottobre 2020. Realizzato dal Team Tecnico Nazionale di ANCeSCAO A.P.S.

Con legge 24 aprile 2020, n. 27, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il successivo 29 aprile 2020, e’ stato convertito in legge, con modificazioni, il decreto n.18 del 17 marzo 2020 (c.d. decreto “Cura Italia”).

Vi segnaliamo di seguito alcune conferme alla comunicazione precedente (sotto riportata) e alcune modifiche:

  • E' confermato lo slittamento dei termini per l’approvazione del bilancio al 31 ottobre 2020 già previsto dal decreto per le APS, le ODV e le ONLUS iscritte nei relativi registri. Con la legge di conversione tale possibilità è estesa anche a tutte le associazioni e gli enti di carattere privato diversi dalle società, costituiti per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale.
  • E' confermata per le APS, le ODV e le ONLUS la possibilità, fino al 31 Gennaio 2021, di utilizzare le videoconferenze quale strumento per le riunioni degli organismi collegiali dell'associazione, anche in deroga alle disposizioni statutarie. Viene prevista per tutte le associazioni e fondazioni (diverse da APS, ODV ed ONLUS per le quali sono tuttavia ammesse, come sopra esposto, le videoconferenze) la possibilità di ricorrere, fino al 31 luglio 2020, anche in deroga alle disposizioni statutarie, all’espressione del voto assembleare in via elettronica o per corrispondenza e l’intervento in assemblea mediante mezzi di telecomunicazione.

Articolo del 3 Aprile 2020. Realizzato dal Team Tecnico Nazionale di ANCeSCAO A.P.S.

AGEVOLAZIONI DI CARATTERE LEGALE/NORMATIVO:

Proroghe riguardanti il Terzo settore introdotte nell’art. 35 del decreto “Cura Italia” (DL 17 marzo 2020, n. 18):

  • Approvazione dei bilanci entro il 31 Ottobre 2020: Si prevede che, per il 2020, le APS, le ODV e le ONLUS iscritte negli appositi registri, per le quali la scadenza del termine di approvazione dei bilanci ricada all’interno del periodo emergenziale (ossia nel periodo tra il 1 febbraio e il 31 luglio 2020) possano approvare i propri bilanci entro il 31 ottobre 2020, anche in deroga alle previsioni di legge, regolamento o statuto.
  • Adeguamento degli Statuti al Codice del Terzo Settore entro il 31 Ottobre 2020 (per chi non ha avesse già provveduto): Slitta dal 30 giugno 2020 al 31 ottobre 2020 il termine entro cui le APS, le ODV e le ONLUS iscritte negli appositi registri possono - con le modalità e le maggioranze “semplificate” previste dall’art. 101, comma 2 del CTS (ossia con le modalità e maggioranze previste per le deliberazioni dell'assemblea ordinaria) - adeguare i propri statuti alle nuove disposizioni inderogabili del D.Lgs. 117/2017 o introdurre clausole che escludono l'applicazione di nuove disposizioni derogabili mediante specifica clausola statutaria. Analoga proroga al 31 ottobre 2020 è stata prevista anche per le imprese sociali per adeguarsi al D.Lgs. n. 112/2017.
  • Possibilità di riunioni in videoconferenza: Semplificazione in materia di organi collegiali, prevista all’art. 73 del decreto “Cura Italia” (DL 17 marzo 2020, n. 18) Ai sensi dell’art. 73, comma 4 del decreto in oggetto, fino al 31 luglio 2020 tutte le associazioni e le fondazioni che non abbiano regolamentato modalità di svolgimento delle sedute in videoconferenza, possono riunirsi secondo tali modalità, nel rispetto di criteri di trasparenza e tracciabilità previamente fissati, purché siano individuati sistemi che consentano di identificare con certezza i partecipanti. Tale regola vale, quindi, per tutti gli enti no profit regolati dal codice civile, a prescindere dalla propria eventuale qualifica di APS, ODV od OLNLUS.
  • Disposizioni urgenti in materia di volontariato previste dall’art. 6 del DL 9 marzo 2020, n. 14 Una ulteriore deroga in materia di Terzo settore, prevista per il periodo emergenziale, riguarda il volontariato e in particolare i limiti di cui all’art. 17, comma 5 del D.Lgs 117/2017 (norma secondo cui negli enti del Terzo settore la qualità di volontario è «incompatibile con qualsiasi forma di lavoro subordinato o autonomo e con ogni altro rapporto di lavoro retribuito con l’ente di cui il volontario è socio o associato o tramite il quale svolge la propria attività di volontario»). Sul tema, l’art. 6 del DL 14 del 9 marzo 2020 dispone che tale regola non si applica durante il periodo emergenziale (ossia, nel periodo tra il 1 febbraio e il 31 luglio 2020). Conseguenza di ciò è che, per tale periodo transitorio (quindi, fino al 31 luglio 2020), il lavoro retribuito e quello di volontariato nelle APS, nelle ODV e negli altri enti del Terzo settore divengono compatibili.

AGEVOLAZIONI DI CARATTERE FISCALE E AMMINISTRATIVO:

Alla data attuale e a seguito del DL 18/2020 sono previste una serie sospensioni di versamenti e adempimenti tributari, con scadenza originaria successiva all’8/03/2020, a favore di Onlus, Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di Promozione Sociale, qui di seguito elencati:

  • Versamenti IVA in scadenza nel mese di Marzo 2020: sospesi, da versare in una unica soluzione entro il 31/05/2020 oppure rataizzati con un massimo di 5 rate mensili
  • Adempimenti tributari (a titolo esempllificativo Modello EAS, Dichiarazione IVA annuale 2020, Comunicazione Liquidazioni Periodiche, Elenchi Intastat, ecc..) con scadenza nel periodo 8/03/2020-31/05/2020 : da effettuarsi entro il 30/06/2020
  • Versamento di somme derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di accertamento esecutivi, avvisi di addebito INPS esecutivi, atti di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle Dogane/Monopoli, atti di ingiunzione fiscale emessi dagli Enti territoriali, atti esecutivi emessi dagli Enti locali : sospesi sino al 31/05/2020, da versare in una unica soluzione entro il 30/06/2020.

Tra le misure previste dal Decreto “Cura Italia” di interesse per i Centri Soci, vi sono le seguenti:

  • Credito di imposta per spese di sanificazione degli ambienti : pari al 50% delle spese sostenute sino ad un massimo di € 20.000,00. 
  • Detrazioni per erogazioni liberali a sostegno delle misure a contrasto dell’emergenza COVID-19 : pari al 30% dall’imposta lorda per un importo massimo di € 30.000,00 delle erogazioni liberali in denaro ed in natura a favore dello Stato, delle Regioni, Enti Locali e Associazioni senza scopo di lucro
  • Moratoria straordinaria a sostegno della liquidità : la restituzione dei prestiti rateali con scadenza anteriore al 30/09/2020 è prorogata sino a tale data, alle medesime condizioni e senza alcuna formalità; mutui, finanziamenti, canoni di leasing con rate in scadenza prima del 30/09/2020, i relativi pagamenti sono sospesi sino a tale data con facoltà di richiedere la sospensione dell’intera rata oppure della sola quota capitale.

Per le sole associazioni che hanno anche collaboratori con rapporto di lavoro dipendente o con altre tipologie di collaborazioni retribuite (no rimborsi spese):

  • Attivazione della Cassa Integrazione
  • Versamenti delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati : sospesi fino al 30/04/2020, da versare in una unica soluzione entro il 31/05/2020 oppure rateizzati con un massimo di 5 rate mensili
  • Adempimenti e versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria : sospesi fino al 30/04/2020, da versare in una unica soluzione entro il 31/05/2020 oppure rateizzati con un massimo di 5 rate mensili

Info: Per informazioni e richieste di chiarimenti, contatta il Team Tecnico Nazionale di consulenza scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.