Gli ‘Anni indimenticabili’ di Russi. ANCeSCAO celebra democrazia e socialità in ricordo di Lino Bondi

Il Centro Sociale ‘Porta Nova’ di Russi (RA) intitola gli spazi al fondatore ed ex-Partigiano Lino Bondi.

In occasione del 77° anniversario della Liberazione della cittadina ravennate di Russi che ricorre ogni anno il 3 Dicembre, l’intera comunità si è riunita per celebrare i principi di democrazia e partecipazione ricordando e onorando tutti coloro che scelsero di dedicare la propria vita alle lotte partigiane in nome della pace e della libertà. Tra loro Lino Bondi, scomparso all’età di 100 anni lo scorso 24 Dicembre ma il cui impegno e valore resteranno sempre vivi.

Nato e vissuto a Russi nel 1920, Bondi conobbe la guerra a soli 22 anni partecipando alla grande battaglia per la conquista di Stalingrado; nel Marzo del 1943, a seguito della ritirata delle truppe italiane, tornò in Italia aderendo alla lotta di liberazione decidendo di darsi alla macchia e partecipando in clandestinità con ruoli di rilievo alla lotta partigiana. Il 3 Dicembre 1944 partecipa attivamente alla liberazione di Russi e resta attivo a fianco delle truppe alleate fino al 20 Maggio 1945 quando smobilitò la 28^ brigata ‘Mario Gordini’ della quale nella settima compagnia rivestiva il ruolo di Ufficiale oltre ad esserne uno dei principali protagonisti.

Da allora Bondi dedicò l’intera esistenza all’impegno politico e sociale, partecipando attivamente alle elezioni del primo Sindaco Pietro Bertoni per poi entrare in Consiglio Comunale assumendo tra gli altri anche il ruolo di Vicesindaco. Era il 1987 quando l'ex-Partigiano, motivato dalla volontà di combattere l’isolamento e la solitudine degli anziani, contribuì assieme ad altri coetanei e compagni di battaglie alla nascita del Centro Sociale ‘Porta Nova’ divenendone Presidente quello stesso anno. Per onorarne la figura e l'enorme impegno sociale il Centro Sociale 'Porta Nova' ha deciso di intitolare alla persona di Bondi i propri spazi.

La cerimonia si è svolta Sabato 4 Dicembre, con la partecipazione del Sindaco Valentina Palli, nell'ambito delle iniziative promosse dall'amministrazione comunale per la celebrazione dell'anniversario della Liberazione di Russi: alle ore 10.30, presso il Teatro Comunale, la presentazione della nuova edizione del libro del Partigiano Lino Bondi 'Anni indimenticabili - Dalla lotta di Liberazione all'impegno politico e sociale', ampliata e curata da Luciano Minghetti e Andrea Bondi; a seguire i partecipanti si sono riuniti presso il centro dove si è svolta l'intitolazione dello stesso a Lino Bondi, conclusasi con un pranzo sociale. 

"Negli anni trascorsi dal dopoguerra fino ai tempi recenti, assieme all’ANPI di Russi, Lino Bondi fu costantemente impegnato nella diffusione dei valori solidaristici, di democrazia e di libertà tra gli alunni delle scuole di Russi e della provincia di Ravenna. - racconta il Presidente del Centro 'Porta Nova' Daniele Bolognesi - Lino Bondi protagonista della storia italiana, impegnato a rimarginare la devastazione e le ferite della guerra, pose mano con coraggio e abnegazione all’opera di ricostruzione morale e materiale del paese, mantenne viva e salda l’umanità delle forze antifasciste e ci ha lasciato consegnandoci un ricco testamento politico fatto di speranza, libertà, solidarietà che anche in futuro dovranno continuare a trovare riscontro pieno nella vita di ogni comunità. Tutto ciò con lo stile e la leggerezza di chi quotidianamente era consapevole della responsabilità che portava con se. Le parole gli uscivano con estrema prudenza, con misura, tenendo assieme le parti anche quando la contrapposizione diventava aspra. Lino Bondi ci ha lasciato tutti orfani, amici smarriti, ma beneficiari di un’eredità fondamentale e ricca che non potremo certamente dimenticare."

Emilia-Romagna, #ripresAncescao, 2021